sabato 29 febbraio 2020

Politica, sinistra, destra.

La parola “politica” deriva dal greco “pólis”, città, e indica l'arte di governare non solo una città o uno stato ma anche un semplice condominio. Fare politica è una necessità per l'uomo, animale sociale che vive in continuo rapporto con altri uomini, rapporto che deve essere governato da regole, che è appunto compito della politica determinare.

venerdì 28 febbraio 2020

Quaderno Otto. Quarant'anni di sanità e welfare in Italia

a cura di Gaspare Jean

Il Quaderno di Gaspare Jean è una vera e propria storia critica della sanità pubblica in Italia negli ultimi quarant’anni, ovvero dalla approvazione della legge di Riforma Sanitaria (1978) ad oggi. Una lettura che ci aiuta a riflettere su come il servizio sanitario nazionale si è evoluto (e deteriorato) negli ultimi anni, ma soprattutto a impegnarci nella lotta per la sua difesa, ora che ipotesi di autonomia regionale differenziata, di flat tax e di finanziamento assicurativo minacciano la sua universalità ed esigibilità ancora più di quanto è accaduto finora attraverso il sottofinanziamento cronico.

Questo testo è stato preparato nell’agosto del 2019 come contributo al lavoro collettivo di “Ideeinformazione” da Gaspare Jean, pochi giorni prima della sua scomparsa.
Gaspare Jean, medico, è stato primario in diversi ospedali milanesi e dirigente ospedaliero. Per oltre quarant’anni si è molto impegnato per il recupero degli alcool-dipendenti ed era fiduciario medico nazionale dell’associazione Alcoolisti Anonimi. Questa sua attenzione per gli aspetti sociali della medicina è tra le motivazioni del conferimento, nel 2008, dell’Ambrogino d’oro del Comune di Milano. Storico attivista della sinistra milanese e dirigente dell'ANPI (era iscritto alla sezione XXV aprile) era sempre presente dove c'era bisogno del suo impegno. 

Per saperne di più Scarica il Quaderno Otto. Quarant'anni di sanità e welfare in Italia

mercoledì 26 febbraio 2020

Quaderno Quattro. Dalla fame alla sovranità alimentare

a cura di Elena Basso

Sono più di 800 milioni le persone che soffrono la fame, un numero spaventoso e purtroppo in aumento. Eppure la produzione alimentare supera largamente il fabbisogno umano, ma è legata alla domanda monetaria del mercato e non ai bisogni degli esseri umani (come ha affermato il relatore per le Nazioni Unite Olivier De Schutter, “il più grande deficit nell’economia alimentare è quello democratico”).
Affrontare il problema della fame e della denutrizione, oggi come ieri, implica contrastare le politiche predatorie dei paesi capitalistici, arginare il predominio dei mercati finanziari (oggi assai influente anche in ambito agroalimentare) e garantire la sovranità alimentare ai popoli del mondo.

Quaderno Cinque. Occupazione per tutti. Un cammino da intraprendere

a cura di Sandro Rinauro

Dobbiamo proprio rassegnarci ad essere un paese in declino, dal punto di vista produttivo e occupazionale? Non è proprio possibile pensare di rilanciare il lavoro, con opportune scelte di governo, al di là delle solite alchimie giuslavoristiche peraltro sempre in danno dei salariati?
Contro le idee dominanti, secondo le quali tra vincoli europei, divisione internazionale del lavoro e robotizzazione prossima ventura l’Italia è destinata a restare un paese di disoccupati (e in misura crescente di emigrati), Sandro Rinauro, docente di geografia politica ed economica all’Università degli studi di Milano, propone in questo Quaderno le linee di un vero e proprio programma per rilanciare l’occupazione in Italia.
Per saperne di più Scarica il Quaderno Cinque. Occupazione per tutti. Un cammino da intraprendere